Irriga Smart: il sistema di irrigazione intelligente.

Date

Irriga Smart: dalla ricerca NetValue la soluzione Agricolture 4.0 che coniuga tecnologia, ecosostenibilità e vantaggi economici per i produttori.

L’acqua è un bene prezioso quanto vitale per l’agricoltura. Per questo è fondamentale contare su tecniche di irrigazione che assicurano l’esatto fabbisogno idrico dei campi coltivati senza alcun spreco garantendo nello stesso tempo la qualità del prodotto.

NetValue risponde a questa esigenza con Irriga Smart, il sistema in grado di automatizzare il controllo degli impianti di erogazione dell’acqua. Questo progetto di Agriculture 4.0 è stato sperimentato in Sardegna nei campi di coltivazione dei pomodori: dietro la loro bontà c’è anche la ricerca NetValue. Un apporto essenziale per lo sviluppo di un’agricoltura moderna, responsabile, ad alto contenuto di qualità.

  1. Cos’è Irriga Smart?
  2. Quali sono vantaggi di Irriga Smart?
  3. Come funziona Irriga Smart?
  4. Come è strutturato Irriga Smart?

1. Cos’è Irriga Smart: la soluzione digitale per il controllo a distanza dell’irrigazione.

Irriga Smart fornisce la possibilità di gestire da remoto i flussi di irrigazione, determinando il giusto volume di acqua per ogni specifica coltivazione. Con Irriga Smart sono ridotti i tempi di lavoro dedicati alla gestione delle irrigazioni; grazie al controllo a distanza non è più necessaria la presenza dell’agricoltore in campo.

2. I vantaggi di Irriga Smart: minori costi di gestione, maggiore qualità dell’agricoltura.

Irriga Smart, tre vantaggi in un’unica scelta: innovazione, economicità, ecosostenibilità in linea con i princìpi di Agriculture 4.0. Innanzitutto, a guadagnarci è l’ambiente: sono ridotte in modo significativo le emissioni inquinanti rispetto ai sistemi tradizionali di irrigazione. Diminuiscono anche i costi legati al minore utilizzo dei mezzi agricoli con conseguenti maggiori ricavi per l’agricoltore. A trarre vantaggio, infine, è la qualità del prodotto finale, al quale Irriga Smart assicura sempre l’erogazione esatta dei volumi d’acqua.

3. Come funziona Irriga Smart: la piattaforma cloud tiene tutto sotto controllo.

Un buon cervello è sempre sinonimo di intelligenza, soprattutto quando si tratta di intelligenza artificiale. Il cervello di Irriga Smart è la sua piattaforma cloud, da cui dipende il perfetto funzionamento del sistema. Il cloud utilizza le informazioni meteorologiche e le misure di campo per stimare i fabbisogni d’acqua della coltura e per calcolare il volume di adacquamento (DSS). Trasmette i comandi all’unità remota per pilotare le valvole. Riceve ed elabora i volumi d’acqua erogati e organizza la successiva erogazione in base ai turni irrigui.

Si facilita, inoltre il lavoro di agronomi e coltivatori che possono contare su una rete completa di informazioni e supporti. Le funzionalità di Irriga Smart sono le seguenti:

  • dati agro-meteorologici: sono acquisti tramite stazioni meteo dislocate sul territorio e connesse in modalità IoT (Internet of Things) o tramite API (Application Programming Interface) nei confronti di fornitori specializzati di questa tipologia di informazioni
  • dati caricati dagli specialisti agronomi: sono relativi alle proprietà fisiche di ogni singolo lotto/settore irriguo dell’azienda;
  • algoritmi per il calcolo del fabbisogno idrico: si basano sui dati acquisiti dalle stazioni metereologiche e si riferiscono allo specifico lotto/settore irriguo dell’azienda e alle diverse tipologie di coltura;
  • controller locale: è specializzato nella gestione della comunicazione con i sensori/attuatori
  • sistema di valvole per la apertura/chiusura da remoto: si gestiscono attraverso piattaforma web o app specifica;
  • misura dei quantitativi di acqua immessa in campo per ogni lotto/settore irriguo;
  • indicazioni sullo stress idrico della coltura in rapporto a specifici indicatori;
  • sviluppo di sistemi di reportistica via web e via app specifica.

Come è strutturato Irriga Smart: le sue componenti.

  • Unità di controllo ed automazione dell’impianto connessa al cloud: controlla i solenoidi delle idrovalvole, i misuratori di portata, i sensori di pressione dell’impianto.
  • Sensore di pressione: misura la pressione della mandata. Consente di verificare la disponibilità di acqua e di allertare l’agricoltore in caso di assenza.
  • Unità di filtraggio dell’acqua di mandata: filtra l’acqua che giunge dei fossi del consorzio irriguo con lo scopo di individuare ed eliminare eventuali pezzi di legno o altri materiali evitando di intasare il sistema di irrigazione a goccia.
  • Idrovalvole con solenoidi bistabili comandati dall’unità di controllo L’unità di controllo viene cablata alla valvola di mandata e ad un numero di valvole di settore che varia da 1 a 5.
  • Sensori di flusso dell’acqua per la misura della portata Vengono utilizzati sensori di flusso o sensori volumetrici. La misura viene trasmessa alla piattaforma Irriga-Smart attraverso l’acquisitore dell’unità di controllo.

Irriga Smart è un progetto a cura di NetValue in collaborazione con 3a Srl.

Il sistema rientra tra i beni agevolabili Credito di imposta 40% in quanto incluso nell’allegato A annesso alla legge 11 dicembre 2016, n. 232.

Irriga Smart: il sistema di irrigazione intelligente.

Altri
articoli

Netvalue su Repubblica

La storia di Netvalue è quella di un’azienda che si sta affermando come un punto di riferimento nei processi di