Trasformazione Digitale: la scelta di chi punta a vincere la sfida della competitività

Date

Partiamo da questa domanda: perché le aziende devono impegnare risorse ed energie nel processo di digitalizzazione? La risposta ci viene fornita dal recente rapporto a cura della Banca Europea degli Investimenti. Il documento, dal titolo Digitalisation in Europe 2020-2021, mette a confronto i diversi risultati conseguiti nell’adozione delle tecnologie digitali nei Paesi dell’Unione Europea, in UK e negli Stati Uniti. Risulta evidente che le imprese supportate da tecnologie digitali tendono a ottenere risultati migliori: investono di più, sono più innovative, sviluppano una migliore gestione dei processi di business, crescono insomma più velocemente.

La digitalizzazione in Italia: a che punto siamo?

L’Italia regge la corsa, ma con affanno. Sempre secondo il rapporto della Banca Europea degli Investimenti occupa la parte bassa del ranking, essendo solo al 19° posto con un tasso di digitalizzazione complessiva delle aziende del 62,6% (al di sotto della media europea, anche se di poco davanti alla Francia e al Regno Unito).

Digitalizzazione: il focus sul gap italiano.

Sebbene l’Italia risulti sopra la media europea per quanto riguarda alcuni parametri, si evidenziano due fattori di debolezza penalizzanti:

  • poco investimento in “capitale umano” (che misura le competenze necessarie a trarre vantaggio dalle possibilità offerte dalla digitalizzazione)
  • poco investimento in infrastrutture di “connettività” (sviluppo e utilizzo della larga banda).

A che punto il processo di alfabetizzazione digitale?

In quest’ambito l’Italia è significativamente in ritardo rispetto alla media UE, tutti gli indicatori sono molto bassi. Ecco il quadro generale: bassa diffusione di competenze digitali nella popolazione, investimenti non adeguati da parte delle imprese in formazione, una quota di laureati non soddisfacente in ambito ICT. Queste criticità contribuiscono a rallentare l’adozione della digitalizzazione soprattutto da parte delle PMI per la mancanza di personale con le competenze necessarie al fine di implementare le nuove tecnologie

Italia: un paese a bassa connessione.

L’Italia è al 26° posto (penultimo) in Europa per l’utilizzo complessivo della larga banda; l’infrastruttura digitale rimane un punto dolente per quasi 2 aziende su 3 (63%). Alla guida della digital transformation ci sono fondamentalmente le grandi aziende, in particolare il settore dei servizi con oltre il 60% delle imprese che adotta l’uso di tecnologie digitali (dato superiore alla media europea). Le PMI, al contrario, dimostrano di avere il fiato corto: qui il tasso di digitalizzazione rimane al di sotto della media europea di ben 15 punti percentuali.

L’Italia ha certamente compiuto alcuni progressi in termini sia di copertura sia di diffusione dei servizi di connettività, con un significativo aumento della diffusione dei servizi a “larga banda” (fino a 1 Gbps e oltre). Sono, tuttavia, necessari ulteriori sforzi per aumentare la copertura delle reti ad altissima capacità e incentivarne l’utilizzo. C’è un punto da sottolineare: se da un lato sono poche le imprese che sfruttano i benefici della banda larga, dall’altro quelle che ne dispongono hanno servizi relativamente migliori rispetto alle imprese di paesi comparabili. Infine, fra le imprese italiane permangono lacune non solo nell’implementazione di tecnologie innovative quali i big data e l’intelligenza artificiale, ma anche nell’utilizzo di servizi ormai “maturi” come le piattaforme di commercio elettronico.

Digitalizzazione: un’insostituibile opportunità per le PMI

La digitalizzazione aziendale richiede necessariamente infrastrutture performanti e affidabili (servizi di Accesso Internet a Larga Banda, Cloud, etc.), soluzioni applicative innovative (piattaforme software) e, ultimo, ma non meno importante, competenze (persone con adeguati skills in grado di progettare, implementare e gestire soluzioni ICT innovative).

Un’opportunità da cogliere insieme a NetValue.

NetValue, operatore di rete fissa e mobile, è in grado affiancare i propri clienti in questo percorso mettendo a disposizione un consolidato know-how e le specifiche competenze dei propri esperti, i migliori servizi di accesso Internet a Banda Larga sia su rete fissa (Fibra Ottica) che su rete mobile.

NetValue opera al servizio delle aziende attraverso piattaforme innovative per assicurare processi digitalizzazione di livello superiore:

  1. Communication and Collaboration Platforms
  2. Multichannel Communication and Process Automation Platforms
  3. IoT and Data collection
  4. Platforms for Agriculture 4.0
  5. Piattaforme per la digitalizzazione documentale
  6. On-premises application migration projects to the cloud
  7. Projects for the adoption of the Data Driven Company strategy

Le nostre piattaforme cloud sono soluzioni su misura delle esigenze di ciascuna azienda.

Scegli la strada della Trasformazione Digitale per far crescere la tua azienda. NetValue ti segue per tutto il percorso.

Trasformazione Digitale: la scelta di chi punta a vincere la sfida della competitività

Altri
articoli

Industry 5.0: IoT e Sicurezza VPN

L’adozione della trasformazione digitale costituisce un passo determinante verso l’evoluzione in un’azienda 5.0. Questo processo avviene attraverso vari fattori come